benvenuto/a su SNALS - Brindisi
ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFSAL
Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola

Segreteria Provinciale - via Monopoli, 11 - 72100 Brindisi
tel-fax: 0831 528339 - email:puglia.br@snals.it - pec:snalsbrindisi@pec.it

Organigramma SNALS  Sedi SNALS e orari di apertura  Servizi del Patronato  Servizi del CAF Confsal  I legali dello SNALS  L'assicurazione SNALS per gli iscritti 

  Utente_non_iscritto      Visite: 4409790  

HOME PAGE

Torna in Home Page



RICERCA NEL SITO




VISITE AL SITO


Statistiche


Riservato agli amministratori

Pagina di Amministrazione


ARGOMENTI, TEMI E MATERIE


UTILITY

Utilità


La scuola attraverso
gli acronimi

di Carmelo Nesta

L'iter della Buona Scuola
(dal 3/9/14 al 16/7/15)
di Carmelo Nesta







NOTIZIE

Rassegna stampa



QUOTIDIANI OnLine


FORUM


Entra nel Forum



CHAT



Entra in chat



GUESTBOOK

Lascia un messaggio nel guestbook

Lascia un messaggio sul

Lascia un messaggio nel guestbook

dello SNALS di Brindisi


NORMATIVA
08:36:22

FEEDS RSS

CONSULENZA ON LINE

consulenza on line SNALS Brindisi

Richiedi la consulenza
di un esperto dello SNALS


QUESITI PUBBLICATI


Continua a leggere le News


  Articolo n. 2336 - © News SNALS-Confsal Brindisi - 398 letture
PEREQUAZIONE PENSIONI ANNI 2012 E 2013 - SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE
Postato Giovedì, 07 Maggio 2015, ore 08:56:20 da Amministratore

PENSIONI
Pensione

La Corte Costituzionale, con Sentenza n. 70 del 10/3/2015, depositata in Cancelleria il 30/04/2015, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 25, del D.L. 6/12/2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità ed il consolidamento dei conti pubblici), convertito con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della L. 22/12/2011, n. 214, nella parte in cui prevede che “in considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall’art. 34, comma 1, della Legge 23/12/1998, n. 448, è riconosciuta, per gli anni 2012 e 2013 esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS nella misura del 100%”. ...



La consulta si è espressa sui giudizi di legittimità costituzionale della norma suddetta promossi dal Tribunale ordinario di Palermo, sezione lavoro, con ordinanza del 6/11/2003, dalla Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la regione Emilia Romagna, con due ordinanze del 13/05/2014, e dalla Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la regione Liguria, con ordinanza del 25/7/2014, rispettivamente iscritte ai numeri 35, 158, 159 e 192, del registro ordinanze 2014 e pubblicate nella G.U. della Repubblica, n. 14, 41 e 46, prima serie speciale, dell’anno 2014.

Secondo la Corte Costituzionale sono stati violati i parametri di cui agli artt. 3, 36, I comma e 38 II comma, della Costituzione, in quanto con la mancata rivalutazione si impedisce la conservazione nel tempo del valore reale della pensione, la sua adeguatezza, e vengono irrimediabilmente vanificate le aspettative legittimamente nutrite dal lavoratore per il tempo successivo alla cessazione della propria attività.

Sono circa 6 milioni i pensionati interessati con questa distribuzione:

Infine, per completezza di informazione, al riguardo si evidenzia, che:

  • per l’anno 2012, l’adeguamento nella percentuale previsionale del 2,6% è avvenuto per la pensione con importo mensile fino a € 1405,05 lordi (3 volte il trattamento minimo INPS). Le pensioni i cui importi mensili erano ricompresi tra € 1405,05 ed € 1441,58, lordi, sono state adeguate fino a tale importo di € 1441,58,lordi, mentre quelle i cui importi erano superiori ad € 1441,58, lordi, non sono state rivalutate;
  • per l’anno 2013, l’adeguamento nella percentuale previsionale del 3% è avvenuto per la pensione con importo mensile fino ad € 1443,00, lordi, (3 volte il trattamento minimo INPS). Le pensioni i cui importi mensili erano ricompresi tra € 1443,00 ed € 1486,29, lordi, sono state adeguate fino a tale importo di € 1486,29, lordi, mentre quelle i cui importi erano superiori ad € 1486,29, lordi, non sono state adeguate;
  • applicando la sentenza della Corte, per le pensioni di importo compreso tra 3 e 5 volte il minimo INPS spetterebbe un incremento del 90% della percentuale prevista (2,6% per il 2012 e 3% per il 2013), mentre per le pensioni di importo oltre 5 volte il minimo INPS spetterebbe un incremento del 75% della percentuale prevista (2,6% per il 2012 e 3% per il 2013);
  • successivamente, in virtù di quanto previsto dalla Legge di stabilità 2014 (Legge 27/12/2013, n. 147, G.U. n. 302 del 27/12/2003) per il triennio 2014/2016, l’indice di rivalutazione delle pensioni si applica in misura percentuali pari:
    • al 100% per le pensioni il cui importo complessivo sia pari o inferiore a tre volte il trattamento minimo INPS;
    • al 95% per le pensioni il cui importo complessivo sia superiore a tre volte e pari o inferiore a 4 volte il suddetto trattamento;
    • al 75% per le pensioni il cui importo complessivo sia superiore a 4 volte e pari o inferiore a cinque volte il trattamento minimo;
    • al 50% per le pensioni il cui importo complessivo sia superiore a cinque volte e pari o inferiore a sei volte il trattamento minimo;
    • al 40% nel 2014 e 45% per ciascuno degli anni 2015 e 2016, per le pensioni superiori a sei volte il trattamento minimo INPS.

Vedi nostro articolo:

LE SCELTE DI POLITICA ECONOMICA DA MONTI A RENZI, CON LO ZAMPINO DELL'EUROPA E DI DRAGHI, STANNO SOFFOCANDO L'ITALIA - LE DICHIARAZIONI DEL DEPUTATO D'ATTORRE DELLA MINORANZA DEL PARTITO DEMOCRATICO







Se l'articolo è stato di tuo gradimento, condividilo su Facebook!




 
Login

Inserisci nickname e password
Nickname


Password


Non sei ancora iscritto allo SNALS?
Fai qui la richiesta di iscrizione al Sindacato!
Come utente registrato
potrai sfruttare appieno i servizi offerti dal sito.

Sei già registrato e hai dimenticato la password?
Clicca qui

Links Correlati
· Altre PENSIONI
· News by admin


Articolo più letto relativo a PENSIONI:
QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE?


Stampa/Condividi articolo
 
Pagina stampabile
Pagina Stampabile

Condividi su FB

Condivisione su Facebook


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


"PEREQUAZIONE PENSIONI ANNI 2012 E 2013 - SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Amministratore - Webmaster

(Carmelo NESTA)
webmaster@snalsbrindisi.it



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.07 Secondi
torna su