benvenuto/a su SNALS - Brindisi
ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFSAL
Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola

Segreteria Provinciale - via Monopoli, 11 - 72100 Brindisi
tel-fax: 0831 528339 - email:puglia.br@snals.it - pec:snalsbrindisi@pec.it

Organigramma SNALS  Sedi SNALS e orari di apertura  Servizi del Patronato  Servizi del CAF Confsal  I legali dello SNALS  L'assicurazione SNALS per gli iscritti 

  Utente_non_iscritto      Visite: 4424843  

HOME PAGE

Torna in Home Page



RICERCA NEL SITO




VISITE AL SITO


Statistiche


Riservato agli amministratori

Pagina di Amministrazione


ARGOMENTI, TEMI E MATERIE


UTILITY

Utilità


La scuola attraverso
gli acronimi

di Carmelo Nesta

L'iter della Buona Scuola
(dal 3/9/14 al 16/7/15)
di Carmelo Nesta







NOTIZIE

Rassegna stampa



QUOTIDIANI OnLine


FORUM


Entra nel Forum



CHAT



Entra in chat



GUESTBOOK

Lascia un messaggio nel guestbook

Lascia un messaggio sul

Lascia un messaggio nel guestbook

dello SNALS di Brindisi


NORMATIVA
08:36:22

FEEDS RSS

CONSULENZA ON LINE

consulenza on line SNALS Brindisi

Richiedi la consulenza
di un esperto dello SNALS


QUESITI PUBBLICATI


Continua a leggere le News


  Articolo n. 4065 - © News SNALS-Confsal Brindisi - 384 letture
LA SOLITUDINE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO
Postato Mercoledì, 29 Maggio 2019, ore 19:05:00 da Amministratore

DIRIGENTI SCOLASTICI carmelo.nesta scrive ...
"




È di qualche giorno fa la notizia del suicidio di un Dirigente scolastico della provincia di Venezia...



L’avete ucciso voi“, hanno asserito parenti ed amici del Dirigente accusando docenti, studenti e genitori della scuola.
È pur vero che erano in atto contrasti e contestazioni nei confronti del Dirigente (una manifestazione contro il Dirigente era stata programmata per il 28 maggio), ma chi uccide veramente è la "solitudine" che accompagna il Dirigente scolastico

  • nella responsabilità di gestione finanziaria, tecnica ed amministrativa della Scuola,
  • nella responsabilità di organizzazione e controllo delle risorse umane e strumentali,
  • nella responsabilità relativa al conseguimento dei risultati ed all’efficienza ed efficacia della gestione della Scuola che gli viene affidata, 
  • nei rapporti, a volte difficili, con gli Enti Locali,
  • nella gestione dei conflitti che potrebbero insorgere durante la contrattazione d'Istituto,
  • nella gestione della premialità dei docenti,
  • nei rapporti con il DSGA e il personale ATA,
  • nella gestione dei  fenomeni di bullismo e di arroganza degli studenti,
  • nelle  rivalse, a volte pretestuose, dei genitori.

E la sua solitudine si acuisce ancora di più quando la rigidità degli Uffici scolastici territoriali (regionali e provinciali) su organici, classi e sostegno non gli permette di organizzare al meglio la Scuola soprattutto nelle zone cosiddette di frontiera.

Il Dirigente è solo davanti a montagne di leggi e leggine di difficile interpretazione e applicazione, di circolari ministeriali dell'ultima ora, davanti a giudizi contrari di revisori, davanti a minacce di citazioni in giudizio da parte dei sindacati.

Il Dirigente è ancora solo davanti a mille problematiche e difficoltà che spesso non dipendono da lui, ma che gli piombano addosso quotidianamente e a cui è costretto a dare immediate risposte e a trovare adeguate soluzioni.

La percezione che i docenti hanno di lui lo fa ancora più solo.
È un privilegiato perché non ha più a che fare con classi di giovani sempre più demotivati e problematici, non deve rispettare orari prestabiliti,  ha una remunerazione economica che ora si prospetta abbastanza elevata, ha potere discrezionale sul personale della scuola!
Questo lo rende diverso e provoca nei docenti due stati d'animo opposti: dissenso o devozione. C'è chi lo osteggia e lo contrasta, c'è chi lo appoggia e lo sostiene.
Questo dualismo lo rende ancora più isolato in un ruolo che lo costringe a vivere secondo le aspettative degli altri, soddisfacendole o illudendole.

Chi lo uccide è la solitudine!

Concludo con il commento del Sottosegretario al Miur Salvatore Giuliano:
La dolorosa notizia del suicidio del dirigente scolastico del liceo Marco Polo di Venezia colpisce e sconvolge coloro che hanno a cuore la scuola. Tutta la comunità scolastica va sostenuta e accompagnata in questo momento drammatico, ma l’episodio di Venezia non può non aprire una riflessione più profonda sulle condizioni di lavoro di dirigenti scolastici, docenti e personale ATA. Il nostro impegno, oggi ancora più forte, è stare accanto a chi dà così tanto alla scuola italiana e di intervenire per rendere più sereno e gratificante il lavoro del personale della scuola, uno dei lavori più belli e significativi per la crescita educativa e culturale della nostra società“.

(Carmelo NESTA)

"





Se l'articolo è stato di tuo gradimento, condividilo su Facebook!




 
Login

Inserisci nickname e password
Nickname


Password


Non sei ancora iscritto allo SNALS?
Fai qui la richiesta di iscrizione al Sindacato!
Come utente registrato
potrai sfruttare appieno i servizi offerti dal sito.

Sei già registrato e hai dimenticato la password?
Clicca qui

Links Correlati
· Altre DIRIGENTI SCOLASTICI
· News by admin


Articolo più letto relativo a DIRIGENTI SCOLASTICI:
AREA V DIRIGENZA SCOLASTICA: RICHIESTA UNITARIA DI INCONTRO URGENTE SUL NUOVO BANDO DI CONCORSO


Stampa/Condividi articolo
 
Pagina stampabile
Pagina Stampabile

Condividi su FB

Condivisione su Facebook


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


"LA SOLITUDINE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Amministratore - Webmaster

(Carmelo NESTA)
webmaster@snalsbrindisi.it



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.32 Secondi
torna su