benvenuto/a su SNALS - Brindisi
ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFSAL
Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola

Segreteria Provinciale - via Monopoli, 11 - 72100 Brindisi
tel-fax: 0831 528339 - email:puglia.br@snals.it - pec:snalsbrindisi@pec.it

Organigramma SNALS  Sedi SNALS e orari di apertura  Servizi del Patronato  Servizi del CAF Confsal  I legali dello SNALS  L'assicurazione SNALS per gli iscritti 

  Utente_non_iscritto      Visite: 6448511  

HOME PAGE

Torna in Home Page



RICERCA NEL SITO




VISITE AL SITO


Statistiche


Riservato agli amministratori

Pagina di Amministrazione


ARGOMENTI, TEMI E MATERIE


UTILITY

Utilità


La scuola attraverso
gli acronimi

di Carmelo Nesta

L'iter della Buona Scuola
(dal 3/9/14 al 16/7/15)
di Carmelo Nesta







NOTIZIE

Rassegna stampa



QUOTIDIANI OnLine


FORUM


Entra nel Forum



CHAT



Entra in chat



GUESTBOOK

Lascia un messaggio nel guestbook

Lascia un messaggio sul

Lascia un messaggio nel guestbook

dello SNALS di Brindisi


NORMATIVA
08:36:22

FEEDS RSS

FAI LA SOTTOSCRIZIONE AL NOSTRO FEED

SNALS Brindisi

Orizzontescuola

USR A. T. Brindisi

Corriere.it
Notizie


Repubblica.it
Politica


INPS Circolari

INPS Messaggi

NOIPA Messaggi



CONSULENZA ON LINE

consulenza on line SNALS Brindisi

Richiedi la consulenza
di un esperto dello SNALS


QUESITI PUBBLICATI


Continua a leggere le News


  Articolo n. 3128 - © News SNALS-Confsal Brindisi - 1022 letture
MANFRED SPITZER - DEMENZA DIGITALE: COME L'UTILIZZO ECCESSIVO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE DANNEGGIA IL CERVELLO E CI RENDE STUPIDI
Postato Sabato, 10 Dicembre 2016, ore 19:05:00 da Amministratore

FORMAZIONE

Dal Rapporto annuale Dyckmanns (Dipartimento per le Dipendenze Patologiche del Governo Federale Tedesco, 22 Maggio 2012) si evince che, in Germania, all’incirca 250.000 soggetti tra i 14 e i 24 anni soffrono di dipendenza da Internet e altri 1,4 milioni sono considerati internauti problematici.
Nella "Demenza digitale" si rilevano situazioni di rapido "declino mentale" in individui sottoposti fin dall’età evolutiva a intensa ed incontrollata esposizione a media digitali di ogni tipo. ...



Cosa sta succedendo al nostro cervello con l'uso e l'abuso della tecnologia digitale?
Non sappiamo più usare una cartina per raggiungere un luogo e ci affidiamo totalmente al navigatore.
Non usciamo mai di casa senza cellulare e i bambini e i ragazzi usano lo smartphone e il computer per un tempo doppio a quello che trascorrono a scuola.
Sono aumentati i disturbi dell'apprendimento, lo stress, le patologie depressive e la predisposizione alla violenza.
Nel convegno organizzato dalla Gilda di Padova è iniziata la conferenza di uno dei più rinomati studiosi tedeschi di neuroscienze: il dott. Manfred Spitzer, laureato in Medicina e Psichiatria, è stato visiting professor a Harvard e attualmente dirige la Clinica psichiatrica e il Centro per le Neuroscienze e l'apprendimento dell'Università di Ulm (Germania)..


Vedi il filmato

Un adulto che comincia ad utilizzare i media digitali dispone di sufficiente esperienza nella ricerca, memorizzazione e gestione delle informazioni, perché ha sedimentato nel suo cervello un passato «analogico».
Un bambino, invece, che non ha ancora sviluppato la corteccia prefrontale (che guida il comportamento previsionale, la pianificazione di schemi di azione nel tempo, la capacità di relazione con il mondo esterno) e che viene precocemente esposto ai media, crea da zero le sue capacità cognitive di base sul modello digitale, con tutte le conseguenze osservate dagli studi.

Se trascino con un dito una parola da A a B su un touchscreen, compio l’azione più superficiale che si possa fare con una parola. Non c’è neppure bisogno di leggere o di riflettere: la profondità di elaborazione è minima.
Leggere la parola, o trascriverla per catturarla mentalmente (e senza cliccare col mouse) rappresenta un percorso di approfondimento maggiore, che i media elettronici ostacolano o impediscono del tutto: il computer evita agli studenti buona parte del lavoro mentale.

Chi si affaccia al mondo virtuale con un clic del mouse non ha la stessa capacità di riflessione di chi ha imparato a comprendere il mondo reale facendone esperienza.

L’utilizzo di Internet provoca un peggioramento delle capacità mnemoniche e, nonostante numerose affermazioni contraddittorie circa le capacità dei «nativi digitali», anche una riduzione della capacità di cercare informazioni.
Quando si dichiara che a scuola si studia meglio grazie ai media digitali non bisogna dimenticare che non esistono dimostrazioni di questa tesi. Sono, al contrario, disponibili molte ricerche che dimostrano l’opposto, ovvero come la tecnologia informatica eserciti un effetto negativo sull’istruzione.

L’eccessivo uso, durante l’età dello sviluppo, di approcci virtuali alla socializzazione (social network) accresce l’incompetenza sociale delle nuove generazioni. Si osserva spesso, da parte di educatori e personale medico, come gli utenti giovanissimi che frequentano molto la rete non sappiano più che cosa si debba dire e che cosa si debba tacere, perché parlano sempre più raramente con qualcuno di reale e sono ancora molto inesperti.
Le neuroscienze sociali studiano da tempo i meccanismi neurobiologici delle esperienze delle persone.
Esse hanno compreso che ad essere modificati non sono più solo la memoria, il pensiero e l’attenzione, bensì lo stesso comportamento sociale degli individui in età dello sviluppo e ad alto utilizzo dei media.

La demenza digitale (presentazione in pdf)






Se l'articolo è stato di tuo gradimento, condividilo su Facebook!




 
Login

Inserisci nickname e password
Nickname


Password


Non sei ancora iscritto allo SNALS?
Fai qui la richiesta di iscrizione al Sindacato!
Come utente registrato
potrai sfruttare appieno i servizi offerti dal sito.

Sei già registrato e hai dimenticato la password?
Clicca qui

Links Correlati
· Altre FORMAZIONE
· News by admin


Articolo più letto relativo a FORMAZIONE:
PERIODO DI FORMAZIONE E DI PROVA PER I DOCENTI NEO-ASSUNTI - BILANCIO DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI - IL PERCORSO FORMATIVO


Stampa/Condividi articolo
 
Pagina stampabile
Pagina Stampabile

Condividi su FB

Condivisione su Facebook


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


"MANFRED SPITZER - DEMENZA DIGITALE: COME L'UTILIZZO ECCESSIVO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE DANNEGGIA IL CERVELLO E CI RENDE STUPIDI" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Amministratore - Webmaster

(Carmelo NESTA)
webmaster@snalsbrindisi.it



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.06 Secondi
torna su