benvenuto/a su SNALS - Brindisi
ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFSAL
Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola

Segreteria Provinciale - via Monopoli, 11 - 72100 Brindisi
tel: 0831 528339 - email:puglia.br@snals.it - pec:snalsbrindisi@pec.it

Organigramma SNALS  Orari di apertura delle sedi SNALS  Servizi del Patronato INPAS  Servizi del CAF Confsal  I legali dello SNALS  L'assicurazione SNALS per gli iscritti 

  Utente_non_iscritto      Visite: 2206059  

HOME PAGE

Torna in Home Page



RICERCA NEL SITO




VISITE AL SITO


Statistiche


Riservato agli amministratori

Pagina di Amministrazione



ARGOMENTI, TEMI E MATERIE


UTILITY

Utilità


La scuola attraverso
gli acronimi

di Carmelo Nesta

L'iter della Buona Scuola
(dal 3/9/14 al 16/7/15)
di Carmelo Nesta



RASSEGNA STAMPA

Rassegna stampa


QUOTIDIANI OnLine


FORUM


Entra nel Forum



CHAT



Entra in chat



GUESTBOOK

Lascia un messaggio nel guestbook

Lascia un messaggio sul

Lascia un messaggio nel guestbook

dello SNALS di Brindisi


NORMATIVA


FEEDS RSS

CONSULENZA ON LINE

consulenza on line SNALS Brindisi

Richiedi la consulenza
di un esperto dello SNALS


QUESITI PUBBLICATI


Continua a leggere le News


  Articolo n. 3704 - © News SNALS-Confsal Brindisi - 311 letture
PERCHÉ TANTO ENTUSIASMO PER LA FIRMA DI UN CONTRATTO AL RIBASSO?
Postato Lunedì, 12 Febbraio 2018, ore 22:31:43 da Amministratore

EVENTI carmelo.nesta scrive ...
"




Mi è davvero difficile comprendere i toni trionfalistici di FLC CGIL, Cisl Scuola e UIL Scuola con cui propagandano e reclamizzano la bontà del Contratto Istruzione e Ricerca e il valore della loro scelta giusta e responsabile di firmarlo...




La FLC CGIL, sul suo sito, pubblica, a caratteri cubitali, l'annuncio "Su le teste! DOPO NOVE ANNI ABBIAMO il CONTRATTO". L'articolo "il", affianco a contratto, è scritto in minuscolo e in carattere corsivo. Nel leggere mi salta in mente una figura retorica, "l'anfibologia", che sta ad indicare un'espressione contenente un'ambiguità sintattica o semantica, in questo caso grafica,  che può essere interpretata in modi diversi. Hanno voluto intendere "il migliore contratto possibile che si potesse sottoscrivere" o " il contratto ottimale in assoluto che loro hanno sottoscritto"?
Secondo me sarebbe stato più realistico e meno ambiguo  scrivere "DOPO NOVE ANNI ABBIAMO un CONTRATTO" e lasciare le teste al loro posto!

I toni della CISL Scuola sono invece, senza ambiguità, del tutto esaltanti e festosi. Parlano di "svolta positiva per il mondo della scuola", di "un atto di grande valenza politica", di "aver ridato valore alla contrattazione", di "aver minato alla base lo spirito della legge 107/2015".

Più realista e sincero è stato il segretario generale della UIL Scuola che in una intervista rilasciata a La Tecnica della Scuola, subito dopo la firma, afferma: “Quando si firma un contratto si è sempre contenti, non si poteva fare di più. Abbiamo portato a casa il massimo, magari dalla controparte poteva esserci qualche timida apertura, ma di più non si poteva fare" - e aggiunge - "Posso dirle che fino all’alba la trattativa è stata in bilico e abbiamo rischiato che non si firmasse, visto anche i numerosi tatticismi" - e continua - "Come spiegarlo alla base? Ci confronteremo come abbiamo sempre fatto. Immagino che i sentimenti siano contrastanti, ma abbiamo fatto il massimo”.

Dopo 12 anni dalla firma del vecchio contratto, docenti e ATA si aspettavano che si ottenesse qualcosa in più, dal punto di vista economico. Almeno un congruo recupero del perduto potere di acquisto dal 2006 ad oggi.

Dopo 12 anni di attesa, Docenti e Ata avranno uno stipendio maggiorato solo del 3,48%  che tradotto in "caffè" corrisponde ad un caffè al giorno e gli arretrati dell'ultimo biennio che tradotti in "cene" bastano a coprire, in tutto, due cene fuori con la famiglia.
Insomma, Docenti e ATA, a differenza dei sindacalisti delle sigle firmatarie, possono festeggiare solo con i fichi secchi, ma non con quelli farciti con le mandorle, come vuole la tradizione pugliese.

Si legge, nei siti delle sigle firmatarie, che è stato rispettato quanto sancito nell'accordo di Palazzo Vidoni del 30 novembre 2016 tra governo e sindacati, sottolineando che è stato sottoscritto anche dalla CONFSAL, la Confederazione a cui aderisce lo SNALS.
In quell'accordo, all'art. 3, lettera a, c'è scritto: "Il governo garantisce che, con le leggi di bilancio, saranno stanziate ulteriori risorse finanziarie che consentano di definire incrementi contrattuali in linea a quelli riconosciuti mediamente ai lavoratori privati e comunque non inferiori a 85 € mensili medi".
Se capisco bene l'italiano, gli 85 € erano la base minima da cui partire e io c'ero quando anche il segretario generale della FLC CGIL, nell’Assemblea Nazionale Unitaria degli esecutivi nazionali, in data 4 ottobre 2017, presso il Centro Congressi Frentani in Roma disse, testualmente: "Siamo chiari, per noi gli 85 € sul tabellare sono la base per sederci al tavolo"!!!
"Lo stanziamento di risorse aggiuntive finalizzate alla valorizzazione dell’esperienza professionale, avendo come riferimento i sistemi retributivi vigenti in ambito europeo" era infatti uno dei punti all'ordine del giorno che FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS Confsal hanno sottoscritto in quella assemblea, indetta per raccogliere le richieste di Docenti e ATA da portare al tavolo negoziale per il rinnovo del contratto.
In questi mesi, poi, durante gli incontri all'ARAN, CGIL, CISL , UIL e SNALS hanno chiesto al governo di reperire ulteriori risorse per la scuola, risorse che non sono state mai trovate e neppure cercate.
CGIL, CISL e UIL, per incrementare gli 85 €, si sono accontentati, invece, di risorse già destinate alla scuola (parte del bonus sul merito) e hanno firmato! Lo SNALS, coerentemente, non lo ha fatto!

Dal punto di vista normativo, in quell’accordo di Palazzo Vidoni, all'art.1, lettera a, (Relazioni sindacali) c'è scritto: "Il Governo si impegna alla definizione di un intervento legislativo volto a promuovere il riequilibrio, a favore della contrattazione, del rapporto tra le fonti che disciplinano il rapporto di lavoro per una ripartizione efficace ed equa delle materie di competenza e degli ambiti di azione della legge e del contratto".
Da quanto mi risulta questo intervento legislativo non c’è mai stato, per cui tutto quello che si scrive sui contratti resta subordinato a quanto dicono i decreti 165/2001 e 150/2009 (Brunetta)*, novellati dai decreti Madia 74 e 75 del 2017, e la legge 107/2015.
Ma a quanto pare i sindacalisti di FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola non avevano bisogno di questo provvedimento legislativo, perché è il contratto stesso che hanno firmato che esclude materie oggetto di contrattazione previste nel vecchio CCNL 2006/2009, come, ad esempio,

  • i criteri delle assegnazioni ai plessi, sia per il personale docente che Ata,
  • i criteri e le modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all’articolazione dell’orario del personale docente, educativo ed ATA,
  • i criteri per l’individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto;

diventate, nel nuovo contratto, oggetto di confronto, una nuova relazione sindacale che non trova riscontro nelle relazioni sindacali classiche.
Il confronto non è interpretazione, non è informazione, non è concertazione e men che meno contrattazione, insomma è solo una generica relazione sindacale che non vincola assolutamente il dirigente scolastico che, trascorsi 15 giorni dall’avvio della procedura, potrà assumere unilateralmente le proprie decisioni.
Lo spiegavo ai miei amici sindacalisti di FLC CGIL, CISL Scuola, e UIL Scuola della provincia di Brindisi in una mia  lettera ...di addio, pubblicata di recente.

E allora di che cosa stiamo parlando?
In che modo si è ridato valore alla contrattazione?
In che modo si è minato alla base lo spirito della legge 107/2015?

Se per “ridato valore alla contrattazione” e per “minato alla base lo spirito della legge 107/2015” significa l’aver ottenuto di poter contrattare i criteri generali per la determinazione dei compensi finalizzati alla valorizzazione del personale, questa è davvero poca cosa: i criteri per l'attribuzione dei compensi per il merito al personale restano di competenza del DS.

E dunque perché tanto entusiasmo per la firma di un contratto al ribasso?
Sarà un'opera di autoconvincimento e di convincimento dopo aver firmato... per ordini di scuderia?
Ma no, questo è solo un mio cattivo pensiero e confido che così non è!

(Carmelo NESTA)

 


* Si veda l’art. 2 del D.Lgs. 165 del 2001 (come novellato dal D.Lgs. 150/2009 di Brunetta) che prevede che gli accordi e contratti collettivi possano derogare alla legge ai regolamenti e agli statuti solo se espressamente previsto: le disposizioni contrattuali in contrasto con norme di legge imperative sono nulle ed automaticamente sostituite. Il legislatore, quindi, può intervenire sui  rapporti di lavoro dei dipendenti pubblici con la conseguente riduzione dell’autonomia contrattuale delle parti.

 

"





Se l'articolo è stato di tuo gradimento, condividilo su Facebook!




 
Login

Inserisci nickname e password
Nickname


Password


Non sei ancora iscritto allo SNALS?
Fai qui la richiesta di iscrizione al Sindacato!
Come utente registrato
potrai sfruttare appieno i servizi offerti dal sito.

Sei già registrato e hai dimenticato la password?
Clicca qui

Links Correlati
· Altre EVENTI
· News by admin


Articolo più letto relativo a EVENTI:
VIDEO-INTERVISTA AL PRESIDE SALVATORE GIULIANO DOPO IL SUO INCARICO AL MIUR


Stampa/Condividi articolo
 
Pagina stampabile
Pagina Stampabile

Condividi su FB

Condivisione su Facebook


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


"PERCHÉ TANTO ENTUSIASMO PER LA FIRMA DI UN CONTRATTO AL RIBASSO?" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Amministratore - Webmaster

(Carmelo NESTA)
webmaster@snalsbrindisi.it



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.05 Secondi
torna su