benvenuto/a su SNALS - Brindisi
ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFSAL
Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola

Segreteria Provinciale - via Monopoli, 11 - 72100 Brindisi
tel-fax: 0831 528339 - email:puglia.br@snals.it - pec:snalsbrindisi@pec.it

Organigramma SNALS  Sedi SNALS e orari di apertura  Servizi del Patronato  Servizi del CAF Confsal  I legali dello SNALS  L'assicurazione SNALS per gli iscritti 

  Utente_non_iscritto      Visite: 3935377  

HOME PAGE

Torna in Home Page



RICERCA NEL SITO




VISITE AL SITO


Statistiche


Riservato agli amministratori

Pagina di Amministrazione


ARGOMENTI, TEMI E MATERIE


UTILITY

Utilità


La scuola attraverso
gli acronimi

di Carmelo Nesta

L'iter della Buona Scuola
(dal 3/9/14 al 16/7/15)
di Carmelo Nesta







NOTIZIE

Rassegna stampa



QUOTIDIANI OnLine


FORUM


Entra nel Forum



CHAT



Entra in chat



GUESTBOOK

Lascia un messaggio nel guestbook

Lascia un messaggio sul

Lascia un messaggio nel guestbook

dello SNALS di Brindisi


NORMATIVA
08:36:22

FEEDS RSS

CONSULENZA ON LINE

consulenza on line SNALS Brindisi

Richiedi la consulenza
di un esperto dello SNALS


QUESITI PUBBLICATI


Continua a leggere le News


  Articolo n. 1991 - © News SNALS-Confsal Brindisi - 825 letture
LA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: LA NORMATIVA ITALIANA SUI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO NEL SETTORE DELLA SCUOLA È CONTRARIA AL DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA
Postato Mercoledì, 26 Novembre 2014, ore 15:14:31 da Amministratore

PRECARI


Come avevamo già preannunciato nelle assemblee unitarie tenutesi nella provincia di Brindisi nello scorso mese di ottobre, oggi, 26 novembre 2014, la Corte di Giustizia europea ha condannato l'Italia per la violazione della Direttiva 1999/70/CE e giudicato illegittima la reiterazione da parte della Pubblica amministrazione dei contratti a tempo determinato oltre i 36 mesi (vedi nostro precedente articolo sulle petizioni alla Commissione Europea). Si apre una stagione molto critica per la pubblica amministrazione italiana che dovrà provvedere alla stabilizzazione dei precari di tutto il pubblico impiego (Afam, Sanità, Regioni, Enti locali) e al risarcimento di eventuali danni arrecati negli anni al personale precario. ...



Lo Stato Italiano ha abusato nell’utilizzare in modo continuativo contratti a tempo determinato, perché non ha indicato né le ragioni obiettive che giustificavano il rinnovo, né la durata massima totale dei contratti né il numero dei loro rinnovi.
Secondo la sentenza della Corte di Giustizia, la normativa italiana non è idonea a rispettare quanto previsto dall’accordo quadro del 18 marzo 1999, disciplinante il rapporto di lavoro a tempo determinato. In buona sostanza, la normativa italiana non contempla nessuna misura diretta a prevenire e sanzionare in modo effettivo il ricorso abusivo da parte dello Stato Italiano al contratto a termine.

Sono migliaia i ricorsi patrocinati dai nostri legali su tutto il territorio nazionale in favore dei nostri iscritti che avevano lamentato il comportamento illegittimo dello Stato Italiano. Finalmente la Corte di Giustizia Europea ha accolto le loro ragioni, condannando l’Italia per aver abusato di tali contratti a termine.

Occorre ricordare che la Corte di giustizia non risolve la controversia che ha dato luogo al rinvio pregiudiziale delle cause pendenti dinanzi ai Tribunali ed alle Corti d’Appello, in attesa della sentenza della Corte europea, ma spetta al giudice nazionale risolvere la causa conformemente alla decisione della Corte europea.

Inoltre, a tutti coloro che non hanno aderito ai ricorsi, si preannuncia che seguiranno ulteriori istruzioni operative, unitamente alla scheda di adesione al nuovo ricorso che sarà predisposto alla luce di quanto stabilito dalla Corte di giustizia europea se il governo non deciderà di porre fine a questa vergogna tutta italiana.

Per quanto riguarda la scuola, il Governo dovrà, quindi, dare immediata attuazione alla sentenza stabilizzando tutti i precari e non solo i docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento come è scritto nel paragrafo 1.6 de "la buona scuola" di Renzi, ma anche tutti quei docenti della seconda e terza fascia e tutto il personale ATA che si trovino nelle condizioni previste dalla direttiva europea 1999/70.

La sentenza della Corte di Giustizia Europea (Comunicato Stampa)

IL COSTO DEL PRECARIATO - ORGANICO DI DIRITTO E ORGANICO DI FATTO
(Un nostro articolo premonitore di gennaio 2014)






Se l'articolo è stato di tuo gradimento, condividilo su Facebook!




 
Login

Inserisci nickname e password
Nickname


Password


Non sei ancora iscritto allo SNALS?
Fai qui la richiesta di iscrizione al Sindacato!
Come utente registrato
potrai sfruttare appieno i servizi offerti dal sito.

Sei già registrato e hai dimenticato la password?
Clicca qui

Links Correlati
· Altre PRECARI
· News by admin


Articolo più letto relativo a PRECARI:
MAD - DOMANDA DI MESSA A DISPOSIZIONE


Stampa/Condividi articolo
 
Pagina stampabile
Pagina Stampabile

Condividi su FB

Condivisione su Facebook


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


"LA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: LA NORMATIVA ITALIANA SUI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO NEL SETTORE DELLA SCUOLA È CONTRARIA AL DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Amministratore - Webmaster

(Carmelo NESTA)
webmaster@snalsbrindisi.it



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.05 Secondi
torna su